IT

 Robert Kubika, Nicklas Nielsen, Paul di Resta, Arthur Leclerc e Nelson Piquet Jr, questi alcuni  dei nomi al via. La prevendita è già iniziata su mugellocircuit.com

L’Autodromo Internazionale del Mugello è lieto di ospitare, per la prima volta in assoluto, un round dell’ELMS dal 26 al 29 settembre 2024. Questo particolare acronimo indica uno dei campionati delle quattro ruote più iconico al mondo. Si tratta della European Le Mans Series, la competizione Endurance riservata alle vetture LMP2, LMP2 Pro/Am, LMP3 e LMGT3. 

Il format prevede quattro ore di gara con 43 auto al via, dove i vari piloti si daranno battaglia per duecentoquaranta minuti, esaltando così tutti gli appassionati del motorsport. Il regolamento è chiaro: ogni pilota deve guidare almeno 40 minuti durante la gara e il vincitore sarà colui che con la sua auto avrà percorso la distanza maggiore nella categoria di riferimento.

Tra i nomi più famosi che vedremo a settembre al Mugello spiccano Robert Kubika, ex pilota di Formula 1 e campione 2023 nel WEC in LMP2, Nicklas Nielsen, vincitore della 24 Ore di Le Mans 2024 nella classe Hypercar sulla 499P di Maranello, Paul Di Resta e il pilota di riserva dell’Aston Martin Felipe Drugovich. Tra i giovanissimi, una menzione speciale va a Arthur Leclerc, fratello del ferrarista Charles Leclerc  e Nelson Piquet Jr.

Ferrari 296, Porsche 911, Aston Martin Vantage, Lamborghini Huracan, Proton, Ligier JS, Duqueine M30, Oreca 07 questi tra i bolidi che sfrecceranno sul lungo rettilineo del Mugello.  Un fine settimana all’insegna della velocità, tecnica adrenalina che si rivolge a tutti gli appassionati delle quattro ruote. 

I biglietti dell’evento sono disponibili da oggi su mugellocircuit.com. Due le categorie di biglietti:
Discovery che consente l’accesso al Paddock, Tribuna Centrale e Prato (12 euro intero, 10 ridotto) Premium per vivere la gara da protagonista in Griglia di partenza e Pit walk, oltre a  Paddock, Tribuna Centrale e prato (17 euro intero, 15 ridotto). Ingresso dal cancello Palagio con la possibilità di parcheggiare all’interno. 

 

Si è concluso l’Aci Racing Weekend con la gara clou: il Campionato Italiano GT Endurance. La vittoria è andata alla  Ferrari 296 Gt3 guidata da Riccardo Ponzio, Stefano Gai e Mikkel Mac. Dietro alla rossa n/o 50, scattata al via in quinta posizione, si sono piazzati nell’ordine la Lamborghini Huracan di Riccardo Cazzaniga, Alberto Di Folco e Edoardo Liberati e l’Audi R8 Lms di Leonardo Moncini, Andrea Cola e Glenn Van Berlo. Hanno invece avuto meno fortuna le due Ferrari che ieri avevano monopolizzato la prima fila dello schieramento: l’ex pilota di Formula 1 Giancarlo Fisichella, compagno di Tommaso Mosca e Arthur Leclerc, partito in pole position, ha commesso un errore al primo pit stop superando la propria piazzola di sosta. I meccanici sono stati costretti a spingere a retromarcia la vettura del pilota romano per poter effettuare il rifornimento con successivo cambio pilota, perdendo molto tempo. Infine Tommaso Mosca ha urtato in pista l’altra Ferrari, quella partita seconda, della coppia Donno-Bracalente, costringendo quest’ultimo a un fuori pista. La direzione gara ha successivamente deciso di assegnare 10’’ di penalità a Mosca da sommare al tempo finale della gara. Nonostante il risultato decisamente al di sotto delle aspettative, Fisichella, Mosca e Leclerc su Ferrari 296 Gt3, 7/i al traguardo, mantengono la testa della classifica di campionato con 38 punti, uno in più dei due equipaggi che si trovano adesso appaiati, quello di Cazzaniga, Di Folco e Liberati (Lamborghini Huracan) e di Mazzola, Delli Guanti e Aka (Audi R8 Lms) giunti rispettivamente secondi e quinti al termine delle tre ore di gara. Il Gt endurance si prende adesso una pausa e tornerà a gareggiare  sul circuito Enzo e Dino Ferrari di Imola l’8 settembre.
Intanto al Mugello si sono svolte anche le altre gare del weekend: nel campionato italiano Sport Prototipi si è affermato Omar Magliona; nella Formula Regional ha vinto il 18enne australiano James Wharton, alla sua prima vittoria in questa categoria; nella Formula 4, dopo i due successi di ieri, il 15enne britannico Freddie Slater ha completato il tris di vittorie; nel Porsche Carrera Cup Italia, l’olandese Tarry Ten Voorde ha vinto gara 2. Successi anche nel Tcr Italy per il romano Federico Scionti (Cupra Leon) che ha bissato il risultato di ieri e per il coreano Junesung Park (Hyundai Elantra).

 

Al Mugello un TCR sempre più internazionale

Dietro il leader Tavano il canadese Taylor, l’estone Volt e il coreano Park (questi ultimi due a pari punti con Imberti)

Il TCR Italy 2024 giunge a metà del proprio cammino, approdando sulle colline a nord di Firenze dove si distende il circuito del Mugello, che proprio quest’anno compie (nella veste di autodromo permanente e nelle dimensioni attuali) 50 anni, essendo stato inaugurato ufficialmente il 23 giugno 1974 con una gara di Formula 5000: un sinuoso saliscendi di 5.245 metri caratterizzato da 15 curve (9 a destra) con una larghezza del tracciato che varia tra i 9,6 e i 14 metri e un rettilineo, quello dei box che misura 1.141 metri. Sede da anni del GP d’Italia del Motomondiale, ha ospitato nel 2020 una delle gare iridate della Formula 1. Sulla pista di proprietà della Ferrari, si disputa dunque la terza delle sei tappe del TCR Italy 2024 con una classifica che vede al comando Salvatore Tavano (Cupra VZ, Scuderia del Girasole) davanti al canadese Nicolas Taylor (Audi RS3, team PMA Motorsport), leader dei rookie, e all’estone Ruben Volt (Honda Civic FL5, team ALM Motorsport), al coreano Junui Park (Hyundai Elantra N, team Solite Indigo), leader negli Under 25,  e al nostro Michele Imberti (Hyundai Elantra N, team Kombat). La presenza al vertice di così tanti piloti stranieri è segno dell’eccellente stato di salute del Tricolore. Capitolo zavorre: 40 chili appesantiranno la vettura di Volt, 30 Tavano e Taylor, 20 Imberti e 10 Nicola Baldan (Audi RS3), vincitore di gara 1 a Pergusa. 

 In Toscana tornerà Pietro Alessi, che dopo aver iniziato la stagione nel DSG con l’Audi RS3 di RC Motorsport e che ora fa il salto di categoria nel Sequenziale sempre al volante di un’Audi gestita da BF. In totale le Sequenziali saranno dunque 26.

Cinque nuovi piloti e 19 vetture iscritte: boom per il DSG 

Grande vitalità mostra di avere la categoria delle DSG che segna l’avvento di ben cinque nuovi piloti: Gabriele Foglia, Temel Camlidag, Federico Scionti, Andrea Palazzo e Federico Desiderio. Il primo, pugliese, 18enne, reduce dalla GT Cup Lambo, sarà in pista con una Cupra Leon gestita da Pro Race; Camlidag, classe 1981, guiderà la terza Audi di Aikoa; Scionti, romano, classe 1992, sarà al volante di una Cupra Leon schierata da una new entry, il team E Service;  proviene da Tricolore GT dove stava correndo con una Lamborghini Huracan. Palazzo e Desiderio invece sono (erano) protagonisti del Mini Challenge: Andrea, 29 enne pugliese, correrà il monomarca il resto della stagione dopo il debutto in Toscana con l’Audi di RC Motorsport, per poi tornare in pianta stabile nel 2025, mentre Desiderio, milanese di soli 17 anni proseguirà poi l’avventura sino a Monza con la Golf di Progetto E20.  Salgono così a 19 gli iscritti nel DSG Tricolore che costituisce così un caso unico nel panorama internazionale della categoria. 

In testa ritroviamo l’umbro Alessandro Alcidi con la Golf del team Tuder che al Mugello sarà appesantita di 30 chili di zavorra, gli stessi dell’Audi di Progetto E20 di Paolo Maria Silvestrini (Progetto E20) dieci in meno della Audi di Planet guidata da Luca Verdi, vincitore di gara 1 a Pergusa e quarto nella seconda. Silvestrini e Verdi in classifica sono rispettivamente terzo e quarto, alle spalle di Luca Franca che avrà 20 chili di zavorra sulla propria Audi gestita da Aikoa.  E 10 chili li avrà anche Fabio Antonello, leader della classifica Master, sulla propria Cupra Leon.  Tra i protagonisti più attesi Matteo Roccadelli (Cupra Leon), leader della classifica Under 25 e quinto nella generale che ha chiuso gara 2 a Pergusa sul terzo gradino del podio. 

 

Programma di prove e gara

Il programma prevede venerdì prove libere dalle 9.15 alle 9.45 e dalle 13.05 alle 13.35; qualifiche TCR Sequenziale dalle 18.05 alle 18.30 e TCR DSG dalle 18.35 alle 19. Sabato: gara 1 TCR DSG alle 13 (28’ più un giro), gara 1 Sequenziale alle 14.55 (28’ più un giro); domenica: gara 2 TCR DSG alle 9.25 (28’ più un giro); gara 2 TCR Sequenziale alle 10.20 (28’ più un giro).  Le gare saranno trasmesse in diretta sui canali social e Youtube del campionato e su ACI SPORT TV canale 228 di SKY e canale 52 tivùsat.



Questo fine settimana, si riaccendono le luci sul circuito del Mugello. Sotto i riflettori i Campionati Targati ACI Sport e non solo. In primis, le potenti vetture Gran Turismo, con la seconda tappa della serie Endurance che si è aperta a Vallelunga nel weekend del 14-16 giugno. Sarà caccia al trio della Scuderia Baldini, detentori del titolo 2023 con Giancarlo Fisichella e Tommaso Mosca a cui si è aggiunto il monegasco Arthur Leclerc, fratello di Charles

Protagonista indiscusso delle due ruote e pluricampione della Moto GP, si conferma il maiorchino Jorge Lorenzo che dopo due stagioni nel Porsche Carrera Cap Italia, si è accasato in Lazarus a bordo della Aston Martin Vantage GT3 in coabitazione con il finlandese William Alatalo che dopo un passato “recente” nelle varie formule, si è buttato sulle GT dove si è messo al volante della Mercedes GT3 del Team AKM Motorsport nella gara di Monza del 2023. Terzo pilota Aston, Mahaveer Raghunathan, anche per lui un passato agonistico nelle formule, tra cui la Boss Gp, GP2 e altro. Il pilota indiano non è una faccia nuova, il suo debutto in Gt è stato nella passata stagione con il Team Imperiale Racing e la Huracan GT3. Insomma, oltre trentacinque equipaggi al via nel primo round, vedremo cosa ci sarà al Mugello. In pista anche il Porsche Carrera Cup Italia per il terzo appuntamento che promette scintille, il livello dei piloti si è alzato ulteriormente, con il Campione In carica Larry Ten Voorde (Enrico Fulgenzi Racing) in testa con 106p. davanti all’altro “fenomeno” Keagan Master (Team Q8 Hi-Perform) a 89p. e terza posizione per Francesco Braschi a 49p. Ad ora l’italiano è in testa alla classifica rookie con tre punti di vantaggio su Lirim Zendeli. Nella Michelin Cup, un solo punto divide il leader Francesco Maria Fenici 39p. da Gianluca Giorgi 38p. con Paolo Gnemmi a 37p. Situazione calda anche nel TCR Italy, al Mugello rientra Pietro Alessi e lo farà con l’Audi di BF Motorsport. Salvatore Tavano domina la classifica, attualmente è sub judice per un appello in merito a gara 1 di Pergusa, con 146p. seguito dal canadese Nicolas Taylor e l’estone Ruben Volt. Nella DSG il leader è Alessio Alcidi seguito da Luca Franca e Paolo Maria Silvestrini che si è aggiudicato gara 2 in Sicilia, gara 1 vinta da Matteo Roccadelli. 

Terzo appuntamento stagionale per il Campionato Italiano Sport Prototipi che nel primo appuntamento a Pergusa ha debuttato con la nuova macchina la Wolf GB08 Raiden. Leader della classifica Campionato il pluricampione della categoria Davide Uboldi, seguito dal figlio d’arte Alister Yoong che insegue a cinque punti. Terzo in classifica il campione in carica Emil Hellberg, orfano in questa stagione del fratello Linus. Carico per una pronta riscossa il sassarese Omar Magliona che per ora ha raccolto solamente otto punti. In debito anche Gigi Ferrara, quinto in classifica e vincitore di gara 1 a Vallelunga. Raiconi leader nella Master di cinque punti su Amaduzzi, tra i rookie svetta Tarsi davanti a Marchiante e Frizza. 

In terra di toscana anche il Formula Regional by Alpine con il quinto appuntamento stagionale. Il brasiliano Rafael Camara, pilota Ferrari Driver Academy da tre anni, arriva da leader della classifica con 159p. e quattro vittorie all’attivo. A inseguire c’è Tuukka Taponen a 113p. e l’italiano Brando Badoer 82 e Davide Larini. Tra i rookie svetta Evan Giltaire davanti a Noah Strømsted e Ivan Domingues. L’appuntamento del Mugello rappresenta il giro di boa della stagione, ma non ci sarà tempo di respirare visto l’appuntamento della settimana dopo al Paul Ricard. In F4 tutti alla caccia di Freddie Slater che al Piero Taruffi si è aggiudicato tutte e tre le gare volando in classifica a 165p. davanti al giapponese Hiyu Yamakoshi, vincitore di gara 1 e 2 a Imola. Terza posizione per il migliore dei rookie, Alex Powell, pilota jamaicano nato a Miami e pilota del Junior Team Mercedes dal 2019. Sarà un fine settimana emozionante e incandescente, tra vetture Gt, prototipi e formule, il tutto condito dalla splendida cornice del circuito del Mugello. Vi aspettiamo.  

Per biglietti e programma, consultare https://www.mugellocircuit.it/it/

Il Mugello Circuit si prepara ad accogliere il quarto round dell'entusiasmante Italian F.4 Championship, promosso da ACI Sport e WSK Promotion. Il prossimo weekend, 13-14 luglio, sarà caratterizzato da una competizione serrata tra piloti provenienti da oltre 20 diverse nazioni, schierati da 11 Team, tutti determinati a lasciare il segno su uno dei tracciati più impegnativi d'Italia.

Al comando della classifica generale c'è Freddie Slater, il giovane talento britannico di Prema Racing, che ha fatto incetta di vittorie con un totale di sette successi. La sua recente tripletta a Vallelunga lo ha visto consolidare la sua posizione in testa al campionato con 165 punti, mostrando una forma eccezionale e una determinazione senza pari.

Alle sue spalle si staglia Hiyu Yamakoshi, il pilota giapponese del team Van Amersfoort Racing, che ha dimostrato costanza e velocità con tre piazzamenti sul podio nel weekend capitolino, oltre a 2 vittorie ottenute in precedenza, rinsalda la sua posizione in classifica con 127 punti. Yamakoshi è pronto a mettere in discussione il dominio di Slater e ad approfittare di ogni opportunità per ridurre il divario di punti.

Non meno competitivo è il pilota junior Mercedes Alex Powell, il talentuoso pilota giamaicano di Prema Racing, che occupa la terza posizione in classifica. Powell ha dimostrato un ritmo impressionante nell'ultimo round a Vallelunga. Powell è impegnato anche nel pieno della lotta di vertice della classifica Rookie, nella quale la prima posizione è attualmente detenuta dal suo compagno di squadra lettone Tomass Stolcermanis. Il divario in punti che separa i due è ridotto, con solo 9 lunghezze tra la prima e la seconda piazza.

L'atmosfera al Mugello Circuit si preannuncia rovente, carica di aspettative e adrenalina, con gli appassionati del motorsport pronti a godersi un fine settimana di emozionanti duelli in pista. Questo round, quarto dei sette stagionali, segna anche il preludio al tour europeo del campionato, che inizierà con il prossimo appuntamento al Paul Ricard in Francia già la settimana successiva, in un ultimo sprint prima della pausa estiva.

In pista al Mugello, tra i protagonisti, ci sarà anche una stella locale: Davide Larini del Team PHM AIX Racing. Larini, toscano doc, sarà sicuramente uno dei piloti su cui tenere gli occhi puntati sulla griglia di partenza, pronto a mettere in mostra il suo talento sul tracciato di casa.

Tra gli altri piloti italiani in gara, troviamo Emanuele Olivieri del Team AKM Motorsport, vincitore dell'ultimo Supercorso Federale della Scuola Federale di ACI Sport, e Alvise Rodella del Team Van Amersfoort Racing. Questi giovani talenti italiani sono pronti a sfidare i migliori piloti internazionali, facendosi portabandiera del tricolore e cercando di lasciare un'impronta indelebile nel prestigioso campionato giovanile.

Il programma prevede le prove libere nella giornata di venerdì 11 luglio, al via dalle 8.30 alle 9.10, poi nuovamente dalle 12.20 alle 13.00. Sarà quindi la volta delle qualifiche, in serata, dalle 17.20 alle 17.35, quindi la seconda sessione dalle 17.45 alle 18.00. Nella giornata di sabato 13 luglio sono previste le prime gare del fine settimana: Gara 1 (30 minuti + 1 giro) al via alle 11.20; Gara 2 (30 minuti + 1 giro) al via alle 18.55. L’ultima gara del weekend sarà dunque domenica 14 luglio, sempre sulla misura di 30 minuti + 1 giro, pronta a partire alle 11.20.


Le tre gare del fine settimana saranno trasmesse in diretta sui canali Youtube e Facebook dell’Italian F.4 Championship, su ACI Sport TV (canale 228 di Sky, canale 52 Tivù Sat e in streaming su www.acisport.it), oltre che nel vasto network di televisioni internazionali che trasmette le gare dell’Italian F4 Championship 2024, includendo anche la piattaforma DAZN.

Con la competizione pronta a prendere il via, il pubblico è invitato a seguire da vicino le gesta dei loro piloti preferiti e a godersi un fine settimana di emozionante motorsport al Mugello Circuit. Il biglietto per accedere all’evento è disponibile sulla piattaforma Ticketone al seguente indirizzo: https://www.ticketone.it/artist/aci-racing-weekend/

 

 

Dopo le gare di Misano e Pergusa a guidare la classifica della classifica riservata alle Sequenziali è Salvatore Tavano (Cupra VZ) ma quale sia il suo reale vantaggio lo si scoprirà dopo l’appello che la scuderia del Girasole ha avanzato contro la decisione dei commissari sportivi per la penalità di 5” per una infrazione commessa in fase di ripartenza dopo la Safety Car in gara 1: Tavano è così scivolato da primo a quarto. In gara 2 è invece finito secondo dietro l’estone Ruben Volt (Honda Civic, team ALM Motorsport). Alle spalle del pilota siciliano che ha 146 punti nella generale si trova il canadese Nicolas Taylor (Audi RS3 LMS, team PMA) staccato di 30 punti. Terzi a quota 107 tre piloti: lo stesso Volt, Michele Imberti (Hyundai Elantra N, team Kombat) e Junui Park (Hyundai Elantra N, team Solite Indigo) che aveva vinto la seconda gara di Misano. Sandro Pelatti (Audi RS3, PMA) comanda nella classe Master, Taylor nei Rookie; Junui Park nella Under 25 e Solite Indigo ei costruttori. Per quanto riguarda la DSG, che quest’anno corre separata dalle vetture a cambio sequenziale, al comando si trova Alessandro Alcidi (VW Golf, team Tuder), reduce da una vittoria a Misano in gara 2 e due podi (3° in gara 1 a Misano e 2° in gara 1 a Pergusa): il pilota umbro precede di 10 punti Luca Franca, vincitore di gara1 a Misano (Audi RS3 team Aikoa), e Paolo Maria Silvestrini (Audi Rs3, Progetto E20), vittorioso in gara 2 a Pergusa, staccato di 26 lunghezze. Nelle classifiche di classe il padovano Fabio Antonello (Leon Cupra, team RC) guida nella Master; Matteo Roccadelli nella Under 25, nei costruttori la Tuder.

Terza tappa anche per il Campionato Italiano Sport Prototipi che da quest’anno (e sino al 2028) si disputa con le Wolf GB08 Raiden motorizzate Aprilia. L’obiettivo del campionato è alzare il livello professionale per cui nel paddock si trovano 4 team (con l’obiettivo di salire a 6) per totale di 14 vetture. In testa al campionato si trova Davide Uboldi (Emotion) con 5 punti di vantaggio sul malese Alx Yoong (Luxury) e 9 su Emil Hellberg (V-Action). Quest’ultimo, svedese, è il campione in carica e ha vinto gara 1 a Pergusa e gara 2 a Vallelunga. Le altre gare sono state appannaggio di Uboldi (gara 2 a Pergusa) e di Luigi Ferrara (V-Action), vincitore della gara inaugurale di Vallelunga. Nelle classifiche delle varie classi comandano Yoong (under 25), Andrea Raiconi (Emotion) nella Master e il 15enne Riccardo Tarsi (Bad Wolves) nella Under 25.

Superbike - Michele Pirro è tornato alla vittoria. Dopo la caduta di ieri, il pluricampione italiano su Ducati Barni Spark ha ottenuto il successo oggi, quinto trionfo su sei gare. E soprattutto 70esima vittoria nella Superbike tricolore. Tutto in una manche con condizioni difficili: gara dichiarata wet con la pioggia che però si fermava e la pista che andava via via asciugandosi. Pirro ha condotto la corsa in testa dall'inizio alla fine, distaccando di 3 secondi i suoi avversari. Dietro di lui, seconda posizione per Luca Vitali. Primo podio stagionale per l'alfiere Honda Scuderia Improve By Firenze Motor. Terzo posto per Simone Saltarelli (Honda TCF Racing Team) anche lui al primo piazzamento stagionale. Quarta posizione per Alessandro Delbianco (Yamaha DMR Racing). In classifica generale Pirro è leader con 125 p. davanti a Delbianco con 91 p. e Samuele Cavalieri (Aprilia Nuova M2, settimo in gara) con 89 p.

Supersport 600 NG - Emozioni a non finire nella 600. A giocarsi la vittoria sono stati Davide Stirpe e Andrea Mantovani, autori di un'ultima parte di gara fatta di sorpassi e controsorpassi mozzafiato, con l'alfiere Ducati Mesaroli beffato solo al fotofinish dal pilota Ducati Garage 51 Barni by dto. Secondo successo stagionale per Stirpe e quarto piazzamento a podio per Mantovani. Dietro di loro, terzo posto per Luca Ottaviani (MV Agusta Extreme), tornato finalmente nelle posizioni di vertice dopo la sfortuna degli ultimi appuntamenti. Anche per lui, quarto podio stagionale. Quarta posizione per Lorenzo Dalla Porta (Yamaha Altogo). In classifica generale Stirpe è in vetta con 113 p. davanti a Mantovani con 81 p. e Ottaviani con 77 p. 

Moto3 - En plein per Marcos Ruda, che ha conquistato la sesta vittoria su sei gare. Mai come stavolta però Elia Bartolini è andato vicino ad ottenere il primo successo stagionale. I due hanno battagliato per tutta la gara, con diversi sorpassi nelle tornate finali. Alla fine però è stato lo spagnolo su 2WheelsPoliTo GP Project Racing Team a battere al fotofinish il rivale del Lucky Racing. Terza posizione, anche qui in volata, per Cristian Lolli (BeOn Cecchini), bravo ad avere la meglio su Erik Michielon (BeOn We Race-SM Pos Corse). In classifica generale Ruda è leader a punteggio pieno, 150 p., con Bartolini secondo a 100 p. e Lolli terzo a 97 p.

Premoto3 - Che gara nell'entry class del Dunlop CIV. A giocarsi la vittoria sono arrivati addirittura in cinque, tutti a battagliare nella volata finale, con un arrivo mozzafiato. E tutti piloti Pata Talenti Azzurri. A vincere alla fine è stato Gionata Barbagallo (Team Echovit Pasini Racing), primo successo stagionale per lui, con Lorenzo Pritelli (Bucci Moto Factory) secondo ed Edoardo Savino (Team Leopard Academy by Roc'N'Dea) terzo. Vicinissimi a loro hanno tagliato il traguardo Cristian Borrelli (Bucci Moto Factory) ed Elisabetta Monti (AC Racing). Menzione speciale per la pilota parte del progetto Pata Talenti Azzurri, che ha ottenuto un'ottima top five dopo essere stata in lotta per la vittoria fino all'ultimo. In classifica di Campionato Barbagallo è leader con 98 p. davanti a Borrelli con 95 p. e Pritelli con 88 p.

Supersport 300 - Gara dichiarata wet e fortemente condizionata dalla pioggia, che si andava via via intensificando nel corso degli 11 giri di ostilità. Alla fine a vincere è stato Guido Fina (Kawasaki MCR Squadra Corse Prodina Junior), davanti ad Alfonso Coppola (Kawasaki Box Pedercini) con Emanuele Cazzaniga terzo (Yamaha Racestar). In pista, era stato il sudafricano Chris Wright (Kawasaki 2 R Racing) a tagliare per primo il traguardo davanti a Nicola Plazzi (Kawasaki MGIM Corse). Entrambi però squalificati successivamente per irregolarità tecnica. Da segnalare il quinto posto finale di Josephine Bruno (Kawasaki). Ottima la prestazione della leader del CIV Femminile, brava a restare in piedi e non mollare fino alla fine. In classifica generale Coppola è leader con 121 p. davanti a Fina con 78 p. e Cazzaniga con 74 p.

Loris Capirossi e Primi passi Minimoto - La domenica del Round Pata Dunlop CIV al Mugello è stata l'occasione per una visita speciale. Alcuni bambini, che hanno partecipato ai corsi Hobby Sport Primi Passi, hanno avuto l'occasione di vivere dal vivo l'esperienza del Campionato Italiano Velocità, culminata con un giro sul podio in compagnia di Loris Capirossi, in visita al Dunlop CIV. I bambini hanno preso parte ai corsi organizzati dalla Csas in collaborazione con il Co. Re. Toscana, grazie ai quali hanno avuto modo di fare una prima esperienza in minimoto in tutta sicurezza.

 

 

E' partita dall'Autodromo del Mugello l'edizione 2024 della Granfondo del Mugello. Alle 7:30 di stamani mattina circa 1000 ciclisti si sono riversati sul lunghissimo rettilineo del circuito di proprietà Ferrari per dare il via alla competizione. L'arrivo sarà in Piazza dei Vicari a Scarperia.

Gli organizzatori per dare un tocco di adrenalina in più hanno deciso di aggiungere interessanti novità al programma.

Per la prima volta, la Granfondo del Mugello offrirà due classifiche individuali separate per i percorsi MEDIO e LUNGO, garantendo così una competizione equa e stimolante per ciclisti di tutti i livelli. I primi 3 classificati di ciascuna delle 12 categorie federali, suddivise in 9 maschili e 3 femminili, riceveranno premi, per un totale di 72 riconoscimenti. Oltre ai premi per le categorie, verranno riconosciuti anche il primo uomo e la prima donna assoluti del percorso lungo. 

Insomma, un evento imperdibile per gli amanti del ciclismo e dello sport all'aria aperta.